ASIA 2° edizione - Ai confini dell'Impero Persiano

DESERTI NEL MONDO: Fly & Drive in Asia Centrale (moto stradali, enduro bicilindriche ed auto 4x4)

Dal 3 al 28 Agosto 2019 (ISCRIZIONI APERTE)

Un progetto di viaggio, aperto a tutti: il  Fly & Drive. Viaggiare in gruppo con la nostra formula Fly & Drive significa non dover pensare più agli interminabili preparativi che precedono ogni partenza, non affrontare più lunghi trasferimenti stradali e non sottostare alle lentezze burocratiche di frontiera. Nello stesso tempo ti garantiamo un'adeguata assistenza meccanica ai mezzi di proprietà e noleggiati, quindi maggiore sicurezza e tranquillità durante lo svolgimento del tour.

Un sogno, un mito tra i viaggiatori; un tempo lo erano altre mete come Caponord in Europa, Tamanrasset e Capo Horn in Africa, ora la Via della Seta è divenuta alla portata di tutti. Benvenuti alla seconda edizione di questo splendido tour!.

Un pecorso riveduto in alcune tappe sempre con la speciale formula Fly & Drive per il rientro, per visitare il maggior numero di centri storici e naturalistici! Da Istanbul a Biskek, 8.000 km per un incantevole itinerario e strade panoramiche.

Turchia, Georgia, Russia, Kazakistan, Uzbekistan, Tagikistan e KIrghizistan, i Paesi dell'Asia Centrale che in passato hanno costituito i margini del Grande Impero Persiano. Visiteremo quelli che storicamente sono stati i centri più importanti di antichi imperi come Astrakhan, Buchara, Khiva, Os, Samarcanda, Sashgribaz, Taskent, Urgup....

Le strade in Kazakistan sono praticamente a "pezzi", molto spesso l'asfalto è ricoperto di buche anche se ci sono cantieri per il rifacimento aperti ovunque. Una volta entrati in Uzbekistan, le strade migliorano col procedere dei chilometri e le bellezze dei siti che incontriamo ci fanno scordare molto presto le difficoltà di guida precedenti. Sicuramente la parte più incredibile ed attraente del nostro tour è la "Pamir Road", la strada che si snoda attraverso le alture della catena dei Monti Pamir. Diversi passi ad oltre 4.000 metri di altezza ci porteranno ad ammirare splendidi panorami tra nevi perenni e fiumi dal colore azzurro cielo ingrossati dal disgelo estivo delle nevi.

L'assistenza viene garantita da più accompagnatori italiani a bordo di un motociclo e di uno/due furgoni finestrati lunghi 7 metri per il carico di bagagli ed eventuali mezzi in avaria; tutti i pernottamenti sono effettuati in hotel/alberghi di buon livello salvo nella regione del Pamir dove le uniche strutture esistenti sono Guest House o case private.

La temperatura varia dagli oltre 35 gradi delle steppe del Kazakistan ai 15 gradi delle alture del Pamir. Il clima muta considerevolmente in funzione dell'area geografica attraversata.

 

   

 

Programma di viaggio

1° Giorno 3 Agosto: Italia - Istanbul

Ritrovo di tutti i partecipanti ad Istanbul. Cena libera e pernottamento in hotel.

2°/3° Giorno 4/5 Agosto : Istanbul- Goreme (km 780)

Trasferimento da Istanbul verso sud-est per arrivare in Cappadocia, regione conosciuta per i "camini delle fate". Dedichiamo la giornata successiva per scoprire la regione delle case neolitiche scavate sottoterra. Cene libere e pernottamenti in hotel.

4° Giorno 6 Agosto: Goreme - Erzincan (km 510)

Ci dirigiamo ora ad est pieno verso Erzincan, situata sull'altopiano dell'Anatolia Orientale. Siamo immersi nelle steppe e vallate incuneate tra le alte montagne della regione. Cena libera all'interno del parco di un ristorante presso le cascata di Girlevik e pernottamento in hotel.

5° Giorno 7 Agosto: Erzincan - Akhaltsikhe (km 520)

Ancora una giornata in Turchia da trascorrere in quota con un clima favorevole. Arriviamo dopo pranzo al confine con la Georgia. Qui inizia il Caucaso; entriamo nei boschi della regione tra importanti impianti sciistici di risalita. Siamo in Georgia, arriviamo a Akhaltsikhe dopo pochi chilometri per trascorrere la notte. Cena libera e pernottamento in hotel.

6° Giorno 8 Agosto: Akhaltsikhe - Stepantsminda (km 310)

Attraversamento della Georgia fino a Stepantsminda, situata al confine con la Russia. Passiamo all'interno del Parco Gudauri dove la strada sale fino a 2.000 metri tra le principali località scistiche della regione. Strada permettendo, proseguiamo per Gergeti Triniti Church dalla quale si gode di un fantastico panorama sulle montagne del Caucaso (il ghiacciaio del Gergeti e il Monte Kazbek) per terminare la giornata a Stepantsminda. Cena libera e pernottamento in hotel.

7° Giorno 9 Agosto: Stepantsminda - Stavropol (km 350)

Appena partiti entriamo nel Kazbegi Nat. Park per arrivare al confine. Formalità di ingresso in Russia quindi proseguiamo verso nord per arrivare a Stavropol. Cena libera e pernottamento in hotel.

8° Giorno 10 Agosto: Stavropol - Astrachan (km 590)

Tappa discretamente "lunga" attraverso una delle regioni più calde della Russia dove si toccano anche i 40°. Meta della gironata è Astrachan, situata alla foce del fiume Volga a circa 90 chilometri dal Mar Caspio. Cena libera e pernottamento in hotel.

9° Giorno 11 Agosto: Astrachan - Atyrau (km 360)

Partiamo in direzione del confine col Kazakistan. Ci troviamo ora nella parte centrale dell'Asia, tra gli sconfinati territori desertici e stepposi. Arriviamo ad Atyrau nel pomeriggio. La città sorge vicino a due dei più grandi giacimenti di petrolio del mondo e a diverse miniere di carbone, oltre che essere vicino al cosmodromo di Baykanur. Si affaccia anche sul deserto di Semipalatinsk dove l'Armata Rossa ha esploso"diverse" testate nucleari. Cena libera e pernottamento in hotel.

10° Giorno 12 Agosto: Atyrau - Beyneu (km 437)

La regione che stiamo attraversando è la più vasta steppa arida del mondo. Una volta si estendeva dal fiume Ural ai monti Altai ad Est, poi è stata in gran parte convertita in terreni agricoli negli anni cinquanta. Non essendoci altre città o paesi, le tappe in zona sono "forzate", dovendo sostare negli unici centri dove è presente almeno una struttura alberghiera. Cena libera e pernottamento in albergo.

11° Giorno 13 Agosto: Beyneu - Nukus (km 505)

Dopo pochi chilometri da Beyneu, attraversiamo la frontiera entrando in Uzbekistan. Intorno a noi sempre e solo "steppa" fino al nostro arrivo a Nukus. Cena libera e pernottamento in albergo.

12° Giorno 14 Agosto : Nukus - Khiva (km 200)

Le prossime giornate saranno caratterizzate da molteplici visite culturali ai siti più importanti della cultura asiatica. Breve trasferimento per arrivare a Khiva. La città è stata una piccola fortezza e un centro commerciale sulla via della Seta. Abbiamo il tempo necessario per una approfondita visita della Ichon-Qala, la città vecchia; il centro uzbeko con la maggior densità di minareti, madrasse e moschee tutti perfettamente conservati. Cena libera e pernottamento in hotel.

13°/14° Giorno 15/16 Agosto: Khiva - Bukara (km 455)

Arriviamo a Bukara dove effettuiamo due pernottamenti per visitare la città, uno degli insediamenti più antichi dell'Asia Centrale. Trai gli edifici millenari da visitare: la massiccia fortezza reale, il minareto Kalan, il Mausoleo di Ismail Samani, la madrasa di Ulug Mel e molto altro. Cene libere e pernottamenti in hotel.

15°/16° Giorno 17/18 Agosto: Bukara - Samarcanda (km 300 )

Breve trasferimento per Samarcanda ed altra sosta lunga per visitare la bellissima città. Il suo nome significa "fortezza di pietra" e si trova sulla via della seta tra Cina ed Europa. La sua storia lunga oltre 2.700 anni l'ha vista passare sotto diversi imperi ed influenze: persiano, arabo, timuroide ed uzbeko. Qui troviamo alcune tra le più significative costruzioni dell'architettura araba. di notevole importanza la Madrasa di Uluk Beg, quella di Sherdar e Tilla-Khari, il secolare Grande Bazar, le rovine di Afrasiab, l'osservatorio di Ulug-Beg......Cene libere e pernottamenti in hotel.

17° Giorno 19 Agosto: Samarcanda - Dushanbe (km 308)

Terminate le visite delle città storiche più importanti dell'Asia Centrale, usciamo dall'Uzbekistan per entrare nal Tagikistan. Ci lasciamo le steppe alle spalle per arrivare alle pendici degli spettacolari monti della catena del Pamir. Arriviamo nella capitale Dushanbe nel pomeriggio. Cena libera e pernottamento in hotel.

18°/19°/20°/21° Giorno 20/21/22/23 Agosto: Dushanbe - Kalaikum - Khorog - Murghab - Sary Tas (km 950 di cui 350 km c.a di sterrati)

Da oggi per cinque giorni attraverseremo le montagne del Pamir percorrendo alcuni passi ad oltre 4.000 metri di altezza (il più alto è il Passo Ak-Baital 4.665 m.s.l.m.). La strada, di origine millennaria fa parte di uno dei sentieri della via della seta. Nonostante sia asfaltata per la maggior parte è una vera sfida per tutti i coloro che la percorrono sia in moto che in auto 4x4. Benvenuti nella "Road from Hell"!!! (strada per l'inferno). I pernottamenti saranno inferiori alla media dei giorni precedenti ma la cosa risulterà insignificante a quanto apparirà davanti a noi. Certamente la parte più eccitante del viaggio. Panoramicamente non ha eguali, una meraviglia della natura che ammutolisce tutti. Arriveremo coi nostri mezzi fin sotto le cime innevate circumnavigando il Pamiri National Park. Cene e pernottamenti in guest house e case private.

22° Giorno 24 Agosto: Sary Tas - Torkent (km 510)

Usciamo dal Pamir e ci lasciamo alle spalle le cime innevate. ora la strada si snoda attraverso grandi vallate verdi. Arriviamo a Torkent, meta della giornata, situata sul lago Toktogul. Cena libera e pernottamento in hotel.

23° Giorno 25 Agosto: Torkent - Suusamir (km 175)

La tappa di oggi prevede l'attraversamento di una delle regioni più spettacolari per la presenza di animali liberi al pascolo; centinaia di km di magnifici cavalli sparsi ovunque in branchi tra le yurta dei nomadi kirghizi. Partiamo alla volta di Suusamyr per arrivare nel primo pomeriggio. Ci stiamo avvicinando all'ultimo luogo da visitare nel nostro lungo itinerario: il lago Song Kul. Cena libera e pernottamento in albergo.

24° Giorno 26 Agosto: Suusamir - Song Kul Lake (km 200)

Ci alziamo presto al mattino per partire subito e percorrere uno sterrato non difficile per circa 100 km (tempo metereologico permettendo!). Un ultimo passo di montagna da attraversare tra le miniere di carbone qui numerose e poi davanti a noi appaiono le coloratissime acque del Song Kul Lake. Cena e pernottamento nelle caratteristiche yurta dei nomadi Tagiki.

25° Giorno: 27 Agosto: Song Kul Lake - Biskek (km 313)

Ultima giornata di viaggio e ultime difficoltà da affrontare! Ancora un centinaio di chilometri di sterrato e poi asfalto scorrevole fino alla Capitale. L'arrivo è previsto nel primo pomeriggio, in tempo per cambiarsi e chiudere i bagagli per il rientro. Cena libera e pernottamento in hotel.

26° Giorno: 28 Agosto Giorno: Biskek - Italia

Partenza molto presto in mattinata in direzione dell'aeroporto per il volo internazionale, con scalo tecnico a Istannbul, per l'Italia dove termina il viaggio.

 

 

 

L’ORGANIZZAZIONE SI RISERVA IL DIRITTO DI APPORTARE AL SOPRAINDICATO PROGRAMMA TUTTE LE MODIFICHE NECESSARIE A GARANTIRE LA SICUREZZA E LA BUONA RIUSCITA DEL VIAGGIO, TENUTO CONTO DELLE CONDIZIONI VARIABILI DI STRADE, PISTE, GUADI NEI FIUMI, DELLO STATO DEI PONTI, DELLE CONDIZIONI SANITARIE ED ATMOSFERICHE NONCHE' DEL LIVELLO DI GUIDA DEI PARTECIPANTI.

POTREBBE ESSERE CHE ALCUNE TAPPE VENGANO MODIFICATE E TERMININO FUORI DAI CENTRI ABITATI, SOSTITUENDO GLI ALBERGHI CON CENTRI TURISTICI ATTREZZATI CON YURTE (GRANDI TENDE CARATTERISTICHE DEL kIRGHIZISTAN).

NOTE DI VIAGGIO IMPORTANTI

 

PER L'ISCRIZIONE INVIARE UN'ACCONTO DI € 1.000 EURO ASSIEME AL MODULO DI ISCRIZIONE (Scarica in formato word) E ALLA COPIA SCANNERIZZATA DI: PATENTE DI GUIDA, LIBRETTO DI CIRCOLAZIONE E PASSAPORTO PRESSO LA NOSTRA SEDE.

IL SALDO DEVE ESSERE EFFETTUATO 30 GIORNI PRIMA DELLA PARTENZA.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE COMPRENDONO

LE QUOTE NON COMPRENDONO

NUMERO MINIMO PARTECIPANTI: 8 MOTO

^ Torna al catalogo viaggi