GRAND TOUR DEL SULTANATO DELL'OMAN

Proposta inedita: OMAN STRADALE COAST TO COAST

FLY & DRIVE con moto KTM 990

Dal 26 Dicembre al 5 Gennaio / dal 18 al 28 Gennaio (con moto proprie) / dal 15 al 25 Febbraio 2018

Un vero Coast to Coast nella terra di Sindbad, il leggendario marinaio de "Le mille e una notte", tra mare, deserto e montagne, immersi nella magia dei vividi colori d'Arabia. Un itinerario che dall'esotico sud della provincia del Dhofar, tra i paesaggi dell'antica "Via dell'Incenso", risale l'infinita costa omanita tra spiagge solitarie e incontaminate che si affacciano sull'Oceano Indiano, per poi scoprire lo sconfinato deserto del Wahiba le cui dune arrivano a sfiorare il mare, fino ad incontrare le spettacolari catene montuose del nord, tra canyon, wadi, oasi e antichi villaggi sospesi nel tempo, protetti dalle immancabili torri e fortezze omanite.

Un tour di alto profilo naturalistico, storico e culturale che tocca le più affascinanti città come Salalah, Sur, Nizwa, la capitale Muskat e luoghi di grande interesse paesaggistico in un paese meraviglioso che ha saputo aprirsi con grande equilibrio e tolleranza alla modernità, mantenendo intatto il proprio fascino e le proprie tradizioni.

Un percorso per motociclisti, adatto anche alle coppie. Comode sistemazioni alberghiere, l'assistenza dei mezzi di appoggio e di un tour leader italiano per tutta la durata del tour sono un'opportunità unica per scoprire il Sultanato dell'Oman, un'esperienza che ci auguriamo possa diventare indimenticabile per tutti i partecipanti.

 

 

 

Programma di viaggio

1°/2° giorno: Italia - Salalah

Volo Oman Air Malpensa - Muscat - Salalah (partenza alle 22.15, scalo nella capitale Muscat e arrivo a Salalah alle 10.05 del mattino successivo). Accoglienza dei partecipanti all'Aeroporto Internazionale di Salalah, transfer in Hotel (in splendida posizione sulla spiaggia), check-in camere, consegna delle moto a noleggio, tempo per relax.

Nel primo pomeriggio iniziamo a familiarizzare con la capitale del Dhofar, una città tropicale immersa nel verde dove lussureggianti giardini di palme e piantagioni di frutta esotica ricordano più l'Africa che la penisola arabica. Il segreto di questa enclave verde in terra d'Arabia è nei monsoni (qui chiamati Khareef) che dall'Oceano indiano portano abbondanti piogge e nella ricchezza di fonti d'acqua nelle alture che circondano la piana della città.

Visitiamo l'Al Baleed Park Musem of the Frankincense Land (Patrimonio Unesco dell'Umanità). Il Parco archeologico e Museo della Terra dell'Incenso ci offre l'opportunità, attraverso gli scavi archeologici e le sale del museo, di scoprire il contesto storico - culturale di questa regione, le origini e l'importanza non solo economica del commercio dell'incenso in antichità, la forte tradizione marinara degli Omaniti nei secoli con commerci che andavano dall'India e Cina, all'Africa e al Mediterraneo. Da non dimenticare che lo stesso Marco Polo descrisse Al Baleed come un fiorente porto, tra i più importanti del tempo nell'Oceano indiano.

In serata visitiamo il caratteristico Souk della parte vecchia di Salalah e ceniamo in un ristorante tipico di tradizione yemenita. Pernottamento in hotel.

Escursione facoltativa.
Tour pomeridiano lungo la frastagliata e spettacolare costa ad ovest della capitale con soste nei vari punti panoramici: la lunghissima spiaggia bianca di Al Mughsayl orlata di palme da cocco, scogliere, soffioni e grotte, l'impressionante serie di tornanti del Jabel al Qamar, il canyon del Wadi Aful, la magnifica discesa alla spiaggia di Fazayah con vista su un promontorio alto ben 900 m. Villaggi di pescatori, calette, spiagge nascoste, alberi di incenso ovunque punteggiano un paesaggio di confine tra oceano e montagne. Nel tardo pomeriggio rientro a Salalah.

3° giorno: Salalah - Costa del Dhofar - Salalah (180 km)

Prima colazione in hotel e partenza per il tour giornaliero del Dhofar. Ci dirigiamo ad est della capitale per poi puntare all'interno lungo strade panoramiche che attraversano le catene montuose della regione. La prima sosta è al sito archeologico di Kohr Rouri (l'antico porto di Sumhurman), visita degli scavi, del museo e della magnifica spiaggia sulla foce dell'estuario. Successivamente iniziamo a salire in quota e il paesaggio, la vegetazione e il clima mutano completamente, quasi un altro mondo: soste al Wadi Sinna, unica località in tutta la penisola arabica in cui si possono trovare alberi di Baobab, poi l'immancabile punto panoramico sul Jabal Samhan e la Tayq Cave, il più spettacolare tra i sinkholes del Dhofar, che, per la vastità, ha più l'aspetto di un impressionante canyon.

Proseguiamo verso ovest lungo gli altopiani e vallate del Jabal Al Qara, in un pesaggio che ricorda le savane africane, regno indiscusso di migliaia di dromedari. Raggiungiamo il limite tra l'area verde e l'arido deserto del nord. Scendiamo infatti nel Wadi Uyun per poi risalire ancora in quota verso sud. Sulla via del ritorno a Salalah incontriamo anche una curiosità storica, la Tomba di Giobbe (il profeta riconosciuto da tutte e tre le religioni monoteiste). Cena in ristorante tradizionale e pernottamento in hotel.

4° giorno: Salalah - Al Duqm (656 km)

Prima colazione in hotel e partenza di buon mattino per la tappa più lunga del tour, la più impegnativa ma anche la più affascinante. Un'incredibile cavalcata di centinaia di km nel vuoto. Alla nostra destra l'oceano indiano e infinite spiagge a perdita d'occhio, alla nostra sinistra le montagne del Jabal Samhan e il deserto, la presenza dell'uomo si rileva dai pochi villaggi di pescatori, nessun resort, albergo, città, nulla. E' la parte iniziale la più spettacolare, in particolare da Hasik alla baia di Shuwaymmiyah (la strada costiera completata nel 2014 è un capolavoro di ingegneria). La meta della nostra tappa è Duqm, una città che sta conoscendo un crescente sviluppo grazie al nuovo grande porto commerciale, strategico per l'economia dell'area centrale dell'Oman. A Mirbat si possono ammirare la tomba di Bin Ali e le tradizionali case dei mercanti, passato Hasik da notare le formazioni calcaree di Hadrabaran, mentre Duqm si distingue per la presenza di un Giardino di rocce, lo Stone Park. Cena e pernottamento in hotel.

5° giorno: Al Duqm - Sur (497 km)

Prima colazione in hotel e partenza per una tappa con la barra dritta a nord su una strada che corre all'interno per poi raggiungere la scenografica costa del Mar d'Arabia tra isolati villaggi di pescatori. E' la tappa dei due deserti, il primo a nord di Duqm (Qarn Aswad) alterna sabbia e basse dune a rocce vulcaniche di colore nero, non a caso chiamate le Black Hills, che riportano alla memoria aree sahariane, il secondo il deserto di Al Sharquiya. Non più roccia, ma sono le alte dune (Wahibah sands), che corrono parallele da nord a sud fino a lambire l'oceano Indiano, ad offrire una scenografia davvero spettacolare e a riempire di caldi colori l'orizzonte.

Meta della giornata è la città di Sur, storico porto sul Golfo d'Oman e famoso per i cantieri navali dove ancora si costruiscono con metodi artigianali i Dhow, le tradizionali barche omanite che da millenni solcano i mari. Cena e pernottamento in hotel.

6° giorno:  Sur - Wadi Bani Khalid - Wahiba Sands (180 km)

Prima colazione in hotel e visita della vecchia Sur, il villaggio di Ayja, il Museo marittimo e Fatah al Khyr traditional Dow. Torniamo in sella alle moto, lasciamo la costa per partire alla volta delle montagne, tra i massicci del Jebel Khadar e del Jebel Kham. Si prosegue alla volta del Wadi Bani Khalid, uno dei più belli dell'Oman, una verde vallata ricca di oasi e di incantevoli specchi d'acqua dai colori turchesi, facilmente raggiungibili con una breve camminata.

Dopo esserci rinfrescati riscendiamo a valle fino a Bidiya, porta di accesso al deserto di Wahibah. Seguendo una facile pista battuta raggiungiamo la meta della nostra giornata, un campo nel cuore del deserto, dove avremo l'opportunità di sperimentare la proverbiale ospitalità dei nomadi beduini. Per maggiore comfort, ai passeggeri in moto sarà possibile salire a bordo di fuoristrada 4x4 lungo il breve tratto non asfaltato. Cena e pernottamento al campo.

7° giorno: Wahiba Sands

Prima colazione al campo. Trascorrere una giornata nel deserto è un'esperienza da non mancare in un viaggio in Oman. Gazie ai servizi forniti dalla nostra struttura sarà possibile effettuare diverse attività, tra le quali escursioni a bordo di Quad sulle alte dune che circondano il campo, percorsi in 4x4 alla scoperta di angoli remoti nel pieno del deserto, tra grandi distese di dune disposte in direzione nord sud dalla forza dei monsoni. Cena e pernottamento al campo.

8° giorno: Wahahibah Sands - Jabrin (160 km)

Dopo la prima colazione diamo l'addio al deserto, abbiamo ancora tempo di scattare le ultime foto a questo fantastico scenario prima di rientrare sull'asfalto per un'altra giornata di scoperte. Nuovi orizzonti ci attendono ad ovest: la catena dei Western Hajar, la più alta dell'Oman con picchi che raggiungono i 3000 metri, e l'incantevole città di Nizwa. L' Antica capitale religiosa dell'Oman stupisce il visitatore con la sua fortezza del XVII secolo dominata dalla sagoma dell'imponente torre circolare, la medina e l'animato souk che conservano intatti l'atmosfera e il fascino di un ricco passato. Dopo avere dedicato il pomeriggio alla visita di Nizwa, proseguiamo per Jibreen, meta della tappa. Cena e pernottamento in hotel.

9° giorno: Jabreen - jebel Shams - Jabreen (200 km)

Colazione in hotel e visita del Forte di Bahla. L'imponente struttura costruita nel tredicesimo e quattordicesimo secolo, è annoverata nella lista dei Patrimoni Unesco dell'Umanità. Riaperto al pubblico dopo lunghi restauri domina con la sua mole l'affascinante città storica di Bahla, comprensiva dell'oasi, del suq e del palmeto, un tempo circondata da 12 chilometri di possenti mura. Dal castello partiamo per un itinerario che possiamo tranquillamente definire "Highland road tour", una giornata interamente dedicata al piacere della guida tra gli scenografici scenari naturali della regione. Saliamo al passo di Al Hoota, il perfetto manto stradale e le viste panoramiche che si aprono ad ogni curva meritano ampiamente la salita al colle.

Raggiungiamo il villaggio tradizionale di Misfat Al Abryyin dove potremo visitare un esempio di tipico falaji, il sistema di canalizzazione dell'acqua usato fin dall'antichità in Oman. Entriamo poi nella vallata che ci porta alla imperdibile ascesa mozzafiato al Jabel Sham (in arabo "la montagna del sole"), la vetta più alta del paese. Lungo la strada faremo una sosta a Wadi Ghul per fotografare l'antico villaggio di case in pietra e sulla sommità al punto panoramico sull'impressionante Wadi an Nakhur (oltre 1000 metri di dislivello), il Grand Canyon d'Arabia. Nel pomeriggio inoltrato rientriamo in hotel. Cena e pernottamento.

10° giorno: Jabreen - Muscat (200 km)

Colazione in hotel e visita di uno tra i più begli esempi di architettura storica dell'Oman: il palazzo di Jibreen, un castello fortificato costruito nel 1671 che nasconde preziosi interni e arredi. Partiamo poi alla volta della capitale omanita Muscat. Perfetto connubio di antico e moderno la città si estende lungo la costa ai piedi delle montagne dell'Hajar, l'antico nucleo sviluppatosi attorno al porto è protetto da due fortezze portoghesi costruite nel XVI secolo. E' qui nel quartiere vecchio di Mattrah che si trova il tradizionale souk, posto privilegiato per acquistare prodotti dell'artigianato locale, tessuti, spezie, argenteria, mentre proseguendo lungo la Corniche si raggiunge l'Al Alam Palace, l'elegante residenza del Sultano Qaboos. Da non perdere anche la visita della Grande Moschea, inaugurata nel 2001 e aperta anche agli occidentali, vanta esterni e interni splendidamente decorati, un candeliere di cristalli alto 14 metri e un tappeto che ricopre la sala della preghiera dalle incredibili misure di 70x60 metri, interamente tessuto a mano dalle sapienti mani di artigiani iraniani. Cena libera e pernottamento in Hotel.

11° giorno: Muscat - Italia

Colazione in hotel e tempo libero a disposizione. Transfer al Seeb International Airport per il volo di rientro in Italia (partenza da Muscat alle 14.35, arrivo a Malpensa alle 19.05)

 

NOTE DI VIAGGIO IMPORTANTI

 

PER INFO: TEL. +39-3355340456 / 3931412016 INFO@OSSERVANDOILMONDO.COM

MODULO DI ISCRIZIONE (Scarica in formato word).

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE COMPRENDONO

LE QUOTE NON COMPRENDONO

NUMERO MINIMO PARTECIPANTI: 10

^ Torna al catalogo viaggi